Levategli la Ducati. Ciò che non si era visto: l’orrore di Lorenzo contro la moto italiana dopo la caduta. Ora basta / Video

loading...

A distanza di più di un giorno dalla gara, spunta un video dal MotoGp di Argentina. Il protagonista è Jorge Lorenzo, l’ex campioncino del mondo, ora in sella alla Ducati. Alla prima curva, la caduta dopo un contatto con la Suzuki di Andrea Iannone. Gara finita. Ciò che non avevamo visto, però, è stata la reazione dello spagnolino del “biscottone”. Dopo aver rimesso in piedi la moto, si accovaccia al fianco della Ducati e urla in preda a una mezza crisi isterica: “Com’è possibile?”. Dunque, quando arrivano i commissari per liberare la via di fuga, scaraventa a terra la moto con violenza e disprezzo. Uno sfregio assoluto contro la moto italiana. Uno sfregio che ha fatto letteralmente infuriare i fan della Ducati e tutti gli italiani.

http://tv.liberoquotidiano.it/sezioni/446/libero-tv-copertina

loading...

Potrebbero interessarti anche...

3 Risposte

  1. rolo ha detto:

    figura di merda

  2. Fracar52 ha detto:

    È un comportamento infantile. Sulla moto e alla moto lavora un sacco di gente. Come si può buttare via così il lavoro di tante persone ? Lorenzo sarà anche stato nervoso, ma il suo gesto non è accettabile. Comprensibile, forse, ma certo non da condividere!

  3. Marika ha detto:

    Comprensibile la rabbia, ma NON il gesto! Considerando che è caduto per colpa sua, colpendo pure Iannone, che è SOLO alla 2a gara e soprattutto che è il pilota più PAGATO in MotoGP, firmando un contratto di ben 25Milioni !!! di euro in 2 anni. A quella cifra potrà almeno RISPETTARE la sua moto e il lavoro di tanti tecnici e meccanici? COSA dovrebbe fare allora il Dovi che guadagna la DECIMA sua parte e porta a casa risultati migliori…. A TUTTI i piloti capita di cadere, ma certi BRUTTI GESTI si vedono SOLO da pochissimi piloti e NESSUNO nella posizione privilegiata di Lorenzo. NON giustifichiamo l’ingiustificabile!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *